Entries tagged with 'giorgio cavalli'

live: MR.BLUE – Giorgio Cavalli

  • novembre 15, 2011 00:27

Luogo: circolo Iqbal Masih Bologna, via della barca 24/3
Ora inizio: 22 circa
Data:  SABATO 19 NOVEMBRE 2011
Descrizione:  blues

Giorgio Cavalli “Mr.Blue”, inizia come autodidatta e le sue prime performance risalgono all’epoca del Beat. All’età di quattordici anni con il suo primo gruppo, si esibisce in apertura di concerti per artisti italiani e stranieri uno tra i tanti Francesco Guccini.

Frequentando l’Osteria delle Dame a Bologna, impara la tecnica chitarristica del fingerpicking, tipica del blues maker, diventando un purista del genere.

Con la collaborazione di Freak Antony degli Skiantos e assieme a Fabio Ferriani (in arte Paco D’Alcatraz) crea situazioni nelle quali vengono messe in luce le sue qualità di compositore e polistrumentista. Viene pubblicato il disco Cuori Italiani dove approfondisce lo studio di diversi strumenti, come il sitar.

Grazie ad una tournee con Patrizio Roversi e Susy Blady si crea il pretesto per numerose apparizioni televisive. Partecipa al Festival di Sanremo 1988 come arrangiatore e autore delle musiche del brano di Alan Sorrenti “Come Per Miracolo”. Nel 1991 entra a far parte della formazione di Vinicio Capossela per la tournee teatrale. In seguito nel 1992 prende parte alla realizzazione dell’operetta teatrale “Pop e Rebelot” di Paolo Rossi, componendo parte delle musiche di scena insieme al Blue Trio, col quale lavora all’album celebrativo di Vladimir Vysotskij Il “Volo di Volodja” per i Dischi del Club Tenco.

La collaborazione con Paolo Rossi prosegue e nel 1993 registra dal vivo al Teatro Petrella il disco “Canzonacce” dove oltre all’artista milanese prendono parte nomi illustri della musica italiana come Enzo Jannacci, Claudio Baglioni e Vinicio Capossela. In questo periodo intensifica il lavoro negli studi di registrazione. Con Faso e Christian Mayer del gruppo Elio e le Storie Tese, registrano il disco “In Paradiso Fa Troppo Caldo” di Gianfranco Manfredi sotto la direzione di Patrick Djivas (bassista della PFM). Nel 1992 registra il disco di Ricky Gianco “Piccolo E’ Bello” arrangiato da Mario Neri. Nel 1994 esce il disco “Tribù Mediterranea” per il quale compone brani che esegue insieme a Joe Amoruso e Dom Um Romano (percussionista dei Weather Report) ed il cui risultato musicale lo riavvicina sempre di più alle proprie radici mediterranee. Nel 1996 compone con il Keter Trio la colonna sonora per il documentario “Ravenna Intorno” vincitore del Festival Internazionale Portoghese degli Audiovisivi.

In seguito forma i Blue Note, un gruppo di otto elementi molti dei quali provvenienti dagli Stadio. Si esibiscono al 10° anniversario di Videomusic e in alcune puntate del programma televisivo “Roxy Bar” condotto da Red Ronnie dove si esibisce anche come solista eseguendo brani di Jimi Hendrix arrangiati per sola chitarra acustica, ottenendo un grande successo sottolineato dalla presenza entusiastica di Carlo Verdone, grande estimatore del meticcio di Seattle.

La S.O.S. l’etichetta bolognese che tende a valorizzare la produzione di artisti riducendo al minimo le manipolazioni estranee al contenuto musicale, ha pubblicato un suo album “Giorgio Cavalli Guitar”, riconoscendo ampliamente in Mr. Blue i caratteri che soddisfano qualitativamente la propria filosofia produttiva.

live: MR. BLUE

  • marzo 18, 2011 18:01

Luogo: circolo Iqbal Masih di Bologna
Descrizione: blues finger picking
Ora inizio: ore 22 circa
Data: SABATO 26 MARZO 2011

Giorgio Cavalli “Mr.Blue”, inizia come autodidatta e le sue prime performance risalgono all’epoca del Beat. All’età di quattordici anni con il suo primo gruppo, si esibisce in apertura di concerti per artisti italiani e stranieri uno tra i tanti Francesco Guccini.

Frequentando l’Osteria delle Dame a Bologna, impara la tecnica chitarristica del fingerpicking, tipica del blues maker, diventando un purista del genere.

Con la collaborazione di Freak Antony degli Skiantos e assieme a Fabio Ferriani (in arte Paco D’Alcatraz) crea situazioni nelle quali vengono messe in luce le sue qualità di compositore e polistrumentista. Viene pubblicato il disco Cuori Italiani dove approfondisce lo studio di diversi strumenti, come il sitar.

Grazie ad una tournee con Patrizio Roversi e Susy Blady si crea il pretesto per numerose apparizioni televisive. Partecipa al Festival di Sanremo 1988 come arrangiatore e autore delle musiche del brano di Alan Sorrenti “Come Per Miracolo”. Nel 1991 entra a far parte della formazione di Vinicio Capossela per la tournee teatrale. In seguito nel 1992 prende parte alla realizzazione dell’operetta teatrale “Pop e Rebelot” di Paolo Rossi, componendo parte delle musiche di scena insieme al Blue Trio, col quale lavora all’album celebrativo di Vladimir Vysotskij Il “Volo di Volodja” per i Dischi del Club Tenco.

La collaborazione con Paolo Rossi prosegue e nel 1993 registra dal vivo al Teatro Petrella il disco “Canzonacce” dove oltre all’artista milanese prendono parte nomi illustri della musica italiana come Enzo Jannacci, Claudio Baglioni e Vinicio Capossela. In questo periodo intensifica il lavoro negli studi di registrazione. Con Faso e Christian Mayer del gruppo Elio e le Storie Tese, registrano il disco “In Paradiso Fa Troppo Caldo” di Gianfranco Manfredi sotto la direzione di Patrick Djivas (bassista della PFM). Nel 1992 registra il disco di Ricky Gianco “Piccolo E’ Bello” arrangiato da Mario Neri. Nel 1994 esce il disco “Tribù Mediterranea” per il quale compone brani che esegue insieme a Joe Amoruso e Dom Um Romano (percussionista dei Weather Report) ed il cui risultato musicale lo riavvicina sempre di più alle proprie radici mediterranee. Nel 1996 compone con il Keter Trio la colonna sonora per il documentario “Ravenna Intorno” vincitore del Festival Internazionale Portoghese degli Audiovisivi.

In seguito forma i Blue Note, un gruppo di otto elementi molti dei quali provvenienti dagli Stadio. Si esibiscono al 10° anniversario di Videomusic e in alcune puntate del programma televisivo “Roxy Bar” condotto da Red Ronnie dove si esibisce anche come solista eseguendo brani di Jimi Hendrix arrangiati per sola chitarra acustica, ottenendo un grande successo sottolineato dalla presenza entusiastica di Carlo Verdone, grande estimatore del meticcio di Seattle.

La S.O.S. l’etichetta bolognese che tende a valorizzare la produzione di artisti riducendo al minimo le manipolazioni estranee al contenuto musicale, ha pubblicato un suo album “Giorgio Cavalli Guitar”, riconoscendo ampliamente in Mr. Blue i caratteri che soddisfano qualitativamente la propria filosofia produttiva.